読者です 読者をやめる 読者になる 読者になる

時事イタリア語

イタリア語の新聞で最新のニュースを読みます

ハマス、イスラエルへの軍事的な自殺攻撃を呼びかけ

 ガザのハマス司令部は、ヨルダン川西岸ハマス組織にたいして、「自殺攻撃を実行すべきときがきた」と、イスラエルに軍事的な自殺攻撃を仕掛けるように命じている。これはイスラエルのYnetでも確認しており、とくに「エルサレムに近く、攻撃しやすい」ヘブロンとナブラスの地区組織に命令がだされているという。パレスチナ自治政府の治安部隊はこのほどヘブロンでハマスの組織を急襲したが、そこで多量の現金と武器を発見した。これに基づいてイスラエルの諜報機関は、ハマスの内部でどのような事態が発生しているかについて、再構成できるようになった。
 この日曜日には、ガザのハマスのもっとも人気の高い指導者であるマフムード・アルザハールが声明を発表し、現在のインティファーダを「民衆的なもの」から「武器を使ったもの」に変えべきだと訴えた。パレスチナ人の暴動を軍事的なものに変えようとする試みが行われていることは、ファタハのメンバーで元治安部隊の司令官であったジブリル・ラジューブが、パレスチナのテレビ局のインタビューで、「最近のイスラエルへの攻撃は英雄的なものだった。パレスチナ人のグループは、さらに大規模な攻撃をしかけることができることを示した。しかしテルアビブでのバスの爆破は世界的に受け入れられなかった。こうした攻撃は避けるべきだろう」と語っていることからもうかがえる。
 さらにムスリム同胞団の精神的な指導者で、国際ムスリムウラマー連盟の会長であるユースフ・アル=カラダーウィーはムスリムたちにたいして、「すべてのイスラーム信者は、ユダヤ人への攻撃を支持しなければならない。エルサレムが危機に直面しているからである。彼らはイスラエルユダヤ化しようとしているのだ」と呼び掛けている。一方でイスラエル政府のユーバル・シュタイニッツ財務大臣は、パレスチナアッバス大統領が、「人々の憎悪を掻き立て、暴力を醸成している」と非難している。「これはナチズム流の反ユダヤ主義の毒だ」という。

www.lastampa.it

Hamas ordina attacchi suicidi contro Israele

La denuncia di fonti israeliane riportata da «Ynet»: l’obiettivo sarebbe Gerusalemme. Ancora molotov alla Tomba di Giuseppe. L’Anp: 44 morti e 1800 feriti nell’escalation. Netanyahu ferma la costruzione del nuovo muro
AFP

I famigliari dei palestinesi rimasti uccisi nel conflitto sul Sinai

 
 

«E’ arrivato il momento degli attacchi suicidi»: è il comando di Hamas a Gaza ad ordinare alle cellule in Cisgiordania di iniziare attacchi suicidi contro Israele. Ad affermarlo sono fonti israeliane a “Ynet”, spiegando che le “istruzioni” sarebbero state inviate in particolare alle cellule di Hebron e Nablus perché «possono raggiungere più facilmente Gerusalemme». Le forze di sicurezza palestinese hanno arrestato a Hebron una cellula di Hamas, trovando ingenti quantitativi di denaro ed esplosivi che hanno portato l’intelligence israeliana a ricostruire quanto sta avvenendo dentro Hamas.  

 

Domenica era stato Mahmoud al-Zahar, fra i più popolari leader di Hamas a Gaza, a pronunciare un discorso nel quale auspicava la trasformazione dell’Intifada da “popolare” ad “armata”. Ad avvalorare l’impressione di una possibile accelerazione militare della rivolta palestinese c’è quanto afferma Jibril Rajoub, esponente di Fatah ed ex comandante delle forze di sicurezza, che in un’intervista alla tv palestinese ha detto: «I recenti attacchi contro israeliani sono atti eroici e i gruppi palestinesi hanno la possibilità di mettere a segno attacchi più grandi ma il mondo non accetta gli autobus che esplodono a Tel Aviv, dunque è meglio evitarli». 

 

L’APPELLO DEI FRATELLI MUSULMANI  

A chiamare i musulmani a «sostenere la battaglia per Gerusalemme» è Sheikh al-Qaradawi, guida spirituale dei Fratelli Musulmani e presidente dell’Unione internazionale degli studiosi musulmani, che parla di «dovere per ogni credente di sostenere gli attacchi contro gli ebrei perché Gerusalemme è in pericolo, la vogliono giudaizzare». Il ministro israeliano Yuval Steinitz punta l’indice contro il presidente palestinese, Abu Mazen, imputandogli di fomentare «l’odio che alimenta le violenze»: «È un veleno antiebraico di stile nazista».  

 

NUOVO ATTACCO ALLA TOMBA DI GIUSEPPE  

Nuovo attacco incendiario alla Tomba di Giuseppe. Gruppi di palestinesi. E’ la radio israeliana “Kol Israel” a farlo sapere, spiegando che nella notte passata hanno lanciato molotov contro il luogo sacro - per ebrei, cristiani, musulmani e samaritani - dove si ritiene sia sepolto il figlio di Giacobbe. In precedenza l’esercito israeliano aveva scortato due rabbini a recitare i salmi nello stesso luogo, già colpito 48 ore prima da un analogo attacco. 

 

 
 

 

NETANYAHU FERMA LA COSTRUZIONE DI UN NUOVO MURO  

Intanto il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha deciso di sospendere la costruzione di ulteriori muri di divisione a Gerusalemme tra il quartiere arabo di Jabel Mukabber e quello ebraico di Armon HaNatziv, a causa dell’ondata di proteste che la barriera ha suscitato nei partiti di destra che sostengono il governo. A riferirlo è l’emittente radiofonica Arutz Sheva, precisando che la misura è stata attaccata da diversi ministri durante una riunione del gabinetto di governo domenica sera. Per il ministro dei Trasporti, Yisrael Katz, il muro è percepito come «un risultato e un premio al terrore».  

 

 
 

IL BILANCIO DELLA TERZA INTIFADA  

L’Autorità nazionale palestinese parla di 44 arabi morti e 1800 feriti nelle recenti violenze che hanno visto l’uccisione di 8 israeliani ed il ferimento di altri 30. L’attentato di ieri sera nella stazione di Beer Sheva, in cui un israeliano è stato ucciso e 6 feriti, è stato commesso da Mohamed al-Okhbi, 21 anni, del villaggio beduino di Hura, lasciando intendere che la rivolta trova reclute anche nelle tribù arabe del Negev.  

 

 

ANALISI - Guerra sui luoghi santi. È un’Intifada religiosa (di Maurizio Molinari)  

 

CENTIMETRI

 

L’ERITREO LINCIATO PERCHE’ SCAMBIATO PER TERRORISTA  

È polemica sulla morte di un cittadino eritreo che si trovava nella stazione dei bus, è stato scambiato per un terrorista e picchiato a morte della folla che ha poi ostacolato anche l’arrivo dell’autombulanza. La stampa israeliana parla di «linciaggio di un innocente» e «isteria che non aiuta a garantire la sicurezza».