読者です 読者をやめる 読者になる 読者になる

時事イタリア語

イタリア語の新聞で最新のニュースを読みます

衝突がつづくイスラエルとパレスチナ。オバマ大統領は和平の実現に諦念を表明

  イスラエルの和平は遠いままである。オバマ大統領は先日、このように発言したが、これは毎日の出来事からも裏付けられている。本日はガザで国境近くでイスラエル軍との衝突が起きた際に、23歳のパレスチナ人が殺された。またヨルダン川西岸ガッシュ・エチジオン地区のハルフルの町では、70歳の女性がイスラエル兵に襲いかかろうとして殺害された。警備兵が反射的に反応して殴打したために、この女性は死んだという。この女性は第一次インティファーダの際に夫を亡くして寡婦になっていたという。
 アメリカ合衆国との政府筋によると、イスラエルのネタニヤフ首相の数日後の訪米を控えて、オバマ大統領が中東情勢を検討したが、「現実的な評価」に基づいて、大統領の残りの任期のうちにイスラエルパレスチナの和平を実現できる可能性はないと結論したという。

www.lastampa.it

Ancora scontri a Gaza e in Cisgiordania: 2 morti Obama si arrende: “In Israele la pace è lontana”

Le vittime sono due palestinesi: un ragazzo di 23 anni e un’anziana di 70. L’amministrazione Usa: «Realisticamente nessuna soluzione nei prossimi 12 mesi»
 
 
 

In Israele la pace è lontana. Lo ha detto ieri Barack Obama ed è evidente dalle cronache di tutti i giorni: oggi un palestinese di 23 anni è stato ucciso a Gaza in scontri con l’esercito israeliano avvenuti nei pressi della barriera di protezione sul confine, mentre nella cittadina di Halhul nella zona di Gush Etzion in Cisgiordania è stata uccisa una donna palestinese di 70 anni che, secondo la polizia, ha tentato di investire alcuni soldati israeliani. La donna è morta per ferite riportate a causa dei colpi di reazione delle forze di sicurezza. Secondo i media è la vedova di un palestinese ucciso durante la prima Intifada. 

 

Proprio ieri il presidente degli Stati Uniti ha escluso che un accordo di pace tra israeliani e palestinesi sia possibile durante gli ultimi mesi del suo mandato. Ad affermarlo sono state fonti della amministrazione Usa, sottolineando come il presidente abbia elaborato «una valutazione realistica» della situazione in Medio Oriente, a pochi giorni dalla visita di Netanyahu in Usa.  

 

Le stesse fonti citate dai media Usa hanno quindi spiegato come l’obiettivo principale del faccia a faccia alla Casa Bianca tra i due leader (il primo dopo la firma della controversa intesa sul nucleare iraniano) sarà quello di discutere i passi necessari per evitare lo scontro tra israeliani e palestinesi in assenza di un’accordo di pace. L’incontro sarà anche l’occasione per confrontarsi su alcuni temi comuni come la sicurezza, l’Iran e la Siria. 

 

Ma - spiega il consigliere per la sicurezza nazionale Ben Rhodes - il fatto che il governo israeliano dia un tiepido supporto alla cosiddetta «soluzione dei due stati» (fortemente sostenuta dall’amministrazione statunitense) vuol dire che Obama deve oramai accettare l’idea dellimpossibilità di un accordo che ponga fine al conflitto nei prossimi 12 mesi. «Questo - ha detto Rhodes - non diminuirà però i nostri sforzi e la nostra convinzione che la soluzione dei sue stati sia l’unica via per risolvere il conflitto israelo-palestinese. Per raggiungere quindi una pace e una sicurezza che durino nel tempo, dando ai popoli israeliano e palestinese quella dignità che meritano».