読者です 読者をやめる 読者になる 読者になる

時事イタリア語

イタリア語の新聞で最新のニュースを読みます

湯川遥菜さんと後藤健二さんを殺害したジハーディ・ジョン、ドローン攻撃で死亡か

  アメリカ軍のドローンがシリアのラッカでモハメド・エンワジを殺害した。これはジハーディ・ジョンという通称で知られている人物であり、クウェート出身でロンドンに住んでいた。イスラム国のスポークスマンとして知られ、インターネットで人質の首を切る映像で有名だった。

 アメリカ国防総省のスティーヴ・ウォーレン報道官は、「ジハーディ・ジョンが殺害された考えるだけの十分な根拠がある」と発表した。ただし「確認するにはまだしばらく時間がかかる」という。ウォレン報道官は「われわれはずっと彼を追跡していた。そして市民に犠牲がでる恐れのない機会が得られたので、行動に移った」と説明している。
 ただしホワイトハウスからの確認はない。オバマ大統領のジョシュ・アーネスト報道官は、「現在は作戦の成果を確認している段階だ」という。ただしイスラム国は死亡報道を否定し、負傷したがまだ生きていると主張している。ラッカの現地の目撃者は、ジョンが病院に運ばれるところを目撃したと語っている。
 シリア人権監視団のラミ・アブデル・ラーマン代表はガーディアン紙にたいして、ラッカの現地の人の言葉として、「100%確実だ。彼の体は爆発でバラバラに吹き飛んだ」という証言を伝えている。

www.lastampa.it

L’uccisione del boia dellIsis Jihadi John tra dubbi e conferme

È stato colpito da un drone in Siria. Il Pentagono: «Abbiamo la ragionevole certezza che sia morto». Ma la Casa Bianca ancora non conferma. Una ong siriana si dice sicura al cento per cento. I jihadisti negano: è solo ferito
 

Mohammed Emwazi, conosciuto anche come Jihadi John, 27 anni, in un video diffuso dall’Isis

 
 

Un drone Usa vicino a Raqqa in Siria ha ucciso Mohammed Emwazi, conosciuto come Jihadi John, il londinese di origine kuwaitiana noto per essere il boia dellIsis, il protagonista delle decapitazioni diffuse sul web. Il portavoce del Pentagono, Steve Warren: «Abbiamo la ragionevole certezza che Jihadi John sia stato ucciso». Lo ha detto il spiegando però che «ci vorrà tempo per confermarlo». Fonti dell’Intelligence «ci hanno rassicurato che questo individuo era Jihadi John - ha aggiunto il colonnello Warren -. Lo seguivamo da tempo e quando si è presentata l’opportunità di colpire senza provocare vittime civili, siamo entrati in azione». Nessuna conferma arriva invece dalla Casa Bianca: «Al momento non siamo in grado di confermare i risultati dell’operazione», così il portavoce di Barack Obama Josh Earnest. L’Isis però smentisce la notizia della morte: è ferito ma ancora vivo. Testimoni oculari a Raqqa hanno riferito a Sky di aver visto portare il jihadista in ospedale. Mira a sbaragliare il campo da ogni dubbio il direttore dell’Osservatorio nazionale siriano (Ondus), Rami Abdel Rahman, che dichiara al Guardian, citando fonti di Raqqa: «Siamo sicuri al 100%, il suo corpo è stato dilaniato dall’esplosione».  

E non è questo l’unico colpo inflitto oggi all’Isis, che a perso per mano curda il controllo della roccaforte Sinjar in Iraq

 

IL DRONE AVREBBE COLPITO L’AUTO DEI “BEATLES  

«Stiamo valutando i risultati dell’operazione di questa notte e daremo informazioni più precise non appena potremo», ha detto il portavoce del Pentagono, Peter Cook. Un alto funzionario ha aggiunto che il drone avrebbe colpito un’auto sulla quale viaggiavano il boia e altri membri del gruppo di assassini che si fa chiamare i Beatles per via dell’origine britannica, ma non ha voluto fornire altri dettagli.  

 

 

La mappa della zona di Raqqa in cui ha operato il drone  

 

CHI È IL BOIA DELLISIS  

Jihadi John in realtà si chiama Mohamed Emwazi, è nato in Kuwait nel 1988 ma si è trasferito con la famiglia a Londra all’età di 6 anni dove cresce con un fratello e due sorelle e si laurea in informatica. È diventato uno degli uomini più ricercati al mondo dopo il video della decapitazione del giornalista americano, James Foley (nella foto), nell’agosto dello scorso anno. Poi ci fu quello del reporter Usa, Steven Sotloff, dell’operatore americano Abdul-Rahman Kassig, dei britannici David Haines e Alan Henning e del giornalista giapponese Kenji Goto. 

 

 

 

 

Nei video dove annunciava le macabre esecuzioni degli ostaggi stranieri è sempre comparso con il volto coperto da un passamontagna, completamente vestito di nero e con un coltello in mano. Un anno dopo l’esecuzione di James Foley, il boia viene identificato; mesi dopo i giornali britannici pubblicano una foto con il suo vero volto. E i dettagli sul suo passato.